Paganica.it beta
La storia di D. Ercolino
Storie Paganichesi
Miscellanea
Storie minime
Regolamenti comunali
Comune soppresso
I Fatti di Paganica
Transumanza antica
Transumanza moderna
Patrioti Risorgimentali
I Creditori Istrumentarii
Cariche istituzionali
Visite Pastorali 1876
Istituzioni locali
Paganica nel 1600
Paganica nel 1700
Paganica nel 1800
Tradizioni popolari
Stato Civile Borbonico
Catasto Onciario 1748
Gran Corte Criminale
Corte di Assise
Manoscritti dell'Antinori
Lettere all'autoritÓ

..:: In evidenza ::..

Le nostre vittime
I vostri messaggi solidali
Le foto di Paganica
Le foto di Onna
Le foto di Tempera
Le foto di San Gregorio
Le foto di Bazzano
Le foto di Pescomaggiore
Il periodo dell'emergenza

..:: Per lo sviluppo soldi dei terremotati, alla ricostruzione solo briciole::..

Il decreto Abruzzo stanzia solo 437 milioni per il 2009 e il 2010

Pochi soldi, e neanche tanto sicuri: cosý il governo finanzia la ricostruzione de L'Aquila. Per di pi¨ con un umiliante gioco delle tre carte: le tasse che gli aquilani avrebbero dovuto restituire dal 2010 vanno a finanziare il decreto anticrisi. Ovvero, la Tremonti-ter e gli sgravi alle imprese.
Per lo sviluppo soldi dai terremotati.
╚ il massimo. A denunciare la manovra di Giulio Tremonti tre parlamentari abruzzesi del Pd Giovanni Lolli, Giovanni Legnini e Luigi Lusi. I tre sventolano cartelle e documenti, mentre spiegano il gioco di cifre appena scoperto.
Dalle tabelle dell'Economia mostrate in Commissione Bilancio al Senato le cifre indicate per la ricostruzione (decreto 39, art.14 comma 1) sono chiarissime: 69 milioni quest'anno, 368 nel 2010 e solo nel 2011 arrivano quasi due miliardi (1,963). Tutto questo a fronte di annunci per quattro miliardi. "Significa che prima del 2011 proprietari di case, aziende, professionisti, comuni, beni culturali e quant'altro deve essere oggetto di ricostruzione riceveranno solo pochi spiccioli - osserva Legnini - e la ricostruzione di fatto non partirÓ.
Forse Ŕ per questa ragione che Berlusconi enfatizza tutti i giorni queste "casette" che secondo lui sono la ricostruzione,ma che non lo sono affatto". Ma a far male Ŕ l'ultima scoperta, quella relativa al decreto anticrisi. La relazione tecnica del decreto indica un maggior gettito di 256 milioni nel 2010 e altrettanti nel 2011 per il recupero delle tasse sospese.
Circa mezzo milione, che viene destinato al finanziamento delle misure del decreto. A seguito delle proteste, il governo ha annunciato un'ordinanza della Protezione Civile, che rinvierebbe il recupero del gettito.
Non un decreto,ma un'ordinanza per un motivo preciso. "Il sottosegretario Giorgetti - conclude Legnini - ha riferito che per l'allungamento del periodo per la restituzione delle imposte si andrÓ ad attingere sempre ai fondi per la ricostruzione.