Paganica.it beta
La storia di D. Ercolino
Storie Paganichesi
Miscellanea
Storie minime
Regolamenti comunali
Comune soppresso
I Fatti di Paganica
Transumanza antica
Transumanza moderna
Patrioti Risorgimentali
I Creditori Istrumentarii
Cariche istituzionali
Visite Pastorali 1876
Istituzioni locali
Paganica nel 1600
Paganica nel 1700
Paganica nel 1800
Tradizioni popolari
Stato Civile Borbonico
Catasto Onciario 1748
Gran Corte Criminale
Corte di Assise
Manoscritti dell'Antinori
Lettere all'autoritÓ

..:: In evidenza ::..

Le nostre vittime
I vostri messaggi solidali
Le foto di Paganica
Le foto di Onna
Le foto di Tempera
Le foto di San Gregorio
Le foto di Bazzano
Le foto di Pescomaggiore
Il periodo dell'emergenza

..:: Paganica nella Preistoria ::..

Il lago Pleistocenico della conca aquilana

Quel ramo del lago Pleistocenico della conca aquilana che volgeva a nord-est e che oggi non Ŕ altro che un'arida valle dalla tipica erosione glaciale, il cui fondo per˛, Ŕ coperto da un verde smeraldo di ubertosi prati e, nel quale scorrono placide le poche acque del torrente Rajale, Ŕ il nostro studio su Paganica perchŔ Ŕ da quella costa che prese vita e origine la sua antica stirpe, veramente forte e gentile.

Certo che uno spettacolo meraviglioso doveva presentarsi all'occhio umano alla vista di quel vasto e azzurrissimo lago che, aveva una quota di 850 m. di livello altidutinale dopo la fase della orogenesi alpina e prima ancora che le acque iniziassero l'attivitÓ erosiva alle gole di S. Venanzio presso Raiano.

In breve: tutta l'attuale conca aquilana conteneva quel grande lago. Si estendeva da S. Giovanni Cagnano alle gole di S. Venanzio bagnando le odierne localitÓ di: Madonna del Ponte, Arischia , Assergi, Paganica, Barisciano, S. Pio delle Camere, Colle Pietro, Caporciano, S. Nicandro, Fagnano Alto, Acciano, Gole di San Venanzio, Castelvecchio Subequo, Goriano Sicoli, Gagliano Aterno, Secinaro, Villa S.Angelo, S. Felice d'Ocre, Bagno grande, Pianola, Poggio di Roio, Poggio S.Maria, S.Croce di Lucoli, Villa Grande di Torninparte, Colle Castagna, Scoppito, S.Maria delle Spiagge, S.Marco, Basanello, Colli e S.Pelino.

Poi a seguito della erosione delle acque, gradatamente si abbass˛ il livello defluendo dalle grandiose cascate delle Gole di S.Venanzio nell'altro grande lago del bacino sulmontino posto a quota pi¨ bassa di circa 400 m. ma, sbarrato anch'esso dalla rocciosa barriera dei Tremonti presso Tocco Casauria.

L'erosivitÓ col passare dei millenni port˛ le acque al livello villafranchiano con la scomparsa del ramo di S.Pio delle Camere e di Navelli; si abbass˛ sulle alture di Monticchio, Poggio Picenze, Vascapenta,ecc.; Il monte di Bazzano usci dalle acque con forme di grossa balena.

Intanto un'altra vergine barriera fatta di rocce pi¨ dure: quella della madonna d'Appari che conteneva le acque pi¨ alte e pi¨ pure del Gran Sasso, divenne cascata a sua volta .

Le acque vi defluivano, erodendo la roccia, con un nuovo spettacolo di natura offerto all'uomo che intanto era comparso sulle sue alture e su quelle della costa orientale del lago Pleistocenico.

Questo testo Ŕ tratto dal libro "Paganica attraverso i secoli" di Don Ercolino Iovenitti