Paganica.it beta
La storia di D. Ercolino
Storie Paganichesi
Miscellanea
Storie minime
Regolamenti comunali
Comune soppresso
I Fatti di Paganica
Transumanza antica
Transumanza moderna
Patrioti Risorgimentali
I Creditori Istrumentarii
Cariche istituzionali
Visite Pastorali 1876
Istituzioni locali
Paganica nel 1600
Paganica nel 1700
Paganica nel 1800
Tradizioni popolari
Stato Civile Borbonico
Catasto Onciario 1748
Gran Corte Criminale
Corte di Assise
Manoscritti dell'Antinori
Lettere all'autorità

..:: In evidenza ::..

Le nostre vittime
I vostri messaggi solidali
Le foto di Paganica
Le foto di Onna
Le foto di Tempera
Le foto di San Gregorio
Le foto di Bazzano
Le foto di Pescomaggiore
Il periodo dell'emergenza

..:: Paganica nel XVII° secolo ::..

La popolosa Paganica e il problema spirituale

L'aumento della popolazione di Paganica fece sorgere nell'animo di Mons. De Rubeis il proposito di risolvere il problema spirituale del suo paese natio il quale versava in disagio per duplice motivo:

  1. La dipendenza della Chiesa di Paganica extra da quella collegiale di Paganica intus comportando la residenza del facente funzione da parroco nella città, era causa di malservizio spirituale per tanta popolazione che contava allora 500 Fuochi pari a 3000 abitanti circa.
  2. L'incapienza e la fatiscenza della Chiesa Madre impediva la funzionalità liturgica, con grave danno spirituale di buona parte della popolazione.
Il 15 febbraio del 1600 nominò con propria Bolla il Sac. Don Bartolomeo Sirelli Vicario Perpetuo della Chiesa di S. Maria di Paganica

Il nono Barone di Paganica: Ludovico de Torres

Il Barone Ludovico de Torres comperò il feudo di Paganica dal Barone Ferrante Vitelli nell'anno 1603 con le terre di Tempera, Onna e S. Gregorio.

Il Barone De Torres rimase a Paganica fino al 1612, quando oberato dai debiti, fu costretto a vendere il feudo al patrizio romano Mario Mattei.

La nuova Chiesa parrocchiale di S. Maria al Presepe

Il Vescovo dell'Aquila Mons. De Rubeis decise di far costruire a Paganica una chiesa parrocchiale sui ruderi dell'antico castello.

Alla posa della prima pietra fu presente anche il Capitolo della Chiesa di S. Maria Paganica intus. L'esecuzione muraria dell'opera fu affidata al bravissimo muratore e capomastro Innocenzo Rotellini di Paganica. Non conosciamo il nome dell'architetto che la disegnò. I ruderi del castello furono completamente demoliti e le pietre stesse - simbolico anello di un passato glorioso con il presente - furono usate per la costruzione della Chiesa dedicata a S. Maria al Presepe.

Sembra che i lavori abbiano avuto una durata di due anni. Nel Giugno del 1605 erano terminati e la consacrazione avvenne il 4 Luglio 1605. In quello stesso giorno il Vescovo De Rubeis fece conoscere la sua:

BULLA DISMEMBRATIONIS PAROECIE DE CASTRO PAGANICE PER EPISCOPUM JOSEPHUM DE RUBEIS

Paganice in Ecclesia S. Maria ad Presepe - Die 4 Iulii 1605
In forza di questa Bolla il Vescovo de Rubeis stabiliva, di propria autorità:

  1. La Chiesa di S. Maria ad Presepe eretta in Paganica viene costituita col titolo di Parrocchiale a tutti gli effetti giuridici
  2. Con diritto di avere il proprio Battistero e la Custodia de SS.mo Sacramento
  3. In essa possono essere sepolti tanto i parrocchiani propri quanto quelli che la volessero eleggere
  4. Ha un proprio Rettore Curato la cui presentazione e nominaè riservata con Diritto di Patronato, in qualunque vacanza, a Scipione, Matteo e Giovanni Vincenzo De Rubeis fratelli, ai nipoti e loro eredi e successori, ciascuno per la terza parte
  5. Assegniamo in dote il nostro patrimonio con vari beni ascendenti a 50 ducati annui con promessa di accrescerli, ciascuno per la terza parte
  6. Ordiniamo che i confini della nuova parrocchia inizino dalla chiesa di S. Maria degli Angeli alle Aje, a man destra come seguita la Strada Scaracze e tira alla casa di Antonello di Pajola nel bivio ed in altro verso la casa di Camillo di Prospere di Diomede, di Coccia da una parte e di Giulio Mariano, a man sinistra dall'altra verso il Castello, si intendono tutti da destra della Parrocchia di S. Maria al Presepe, così ancora quelli che seguitano la Via intorno al Castello, alle case di Lalli e dei Cesare alla Cona ed alla Fonte Comune (l'attuale Fontevecchia) per andare a S. Maria D'Appari. Tutti gli altri, poiché abitano sotto dette strade, a man sinistra verso mezzo si stiano della Parrocchia di S. Maria Assunta
La Bolla fu accettata e sottoscritta con giuramento dal Vicario Curato di Paganica: Don Bartolomeo Sirelli

Ma nel frattempo Mons. De Rubeis fu nominato Arcivescovo e fu trasferito dalla Santa Sede alla sede arcivescovile di Matera in Basilicata che raggiunse nel Settembre dell'anno 1605 appena tre mesi dopo la consacrazione della Parrocchia di S. Maria al Presepe.

Il processo ecclesiastico all'Arcivescovo De Rubeis

La verità storica di quel trasferimento improvviso, nonostante la promozione l'abbiamo appresa dai "Verbali della Revisione del Processo della Dismembrazione della Parrocchia di Paganica avvenuta il 10 Maggio 1613.

In verità gli ecclesiastici della Colleggiata di S. Maria Paganica intus dopo varie riunioni e discussioni avevano deciso di inviare alla Sacra Rota un esposto contro l'operato dell'Arcivescovo De Rubeis nel quale si diceva:

  1. La cura spirituale del popolo residente a Paganica era possesso immemorabile della Collegiata di S. Maria Paganica intus che l'esercitava tramite una sola parrocchiale e battesimale chiesa di S. Maria dell'Assunzione extra
  2. Il Vescovo De Rubeis aveva abusato della propria autorità imponendo il Vicario Perpetuo alla parrocchiale di S. Maria Assunta extra senza il beneplacito apostolico e contro la volontà del Capitolo della Collegiata di S. Maria Paganica intus
  3. Il Vescovo De Rubeis senza il consenso dello stesso Capitolo di S. Maria Paganica intus, aveva eretto la nuova parrocchia di S. Maria al Presepe, pregiudicando tutti i diritti della Collegiata medesima
  4. Il Vescovo De Rubeis aveva fondato la nuova chiesa di S. Maria al Presepe senza il consenso del Capitolo della Collegiata suddetta, anche se lo stesso Capitolo fu forzato ad essere presente alla posa della prima pietra
Ma nonostante le controdeduzioni richieste e ottenute da Mons. De Rubeis, la Sacra Rota non trovò soddisfacenti queste controdeduzioni ne altre addotte in seguito.

L'Arcivescovo De Rubeis nell'inverno del 1609 tornò a Paganica sperando di sbloccare la situazione e far desistere i suoi avversari da questa opera demolitrice.

Ma il Venerdì del 5 Febbraio 1610 moriva improvvisamente, i solenni funerali si tennero nella sua chiesa di S. Maria al Presepe il 7 Febbraio del 1610

La vittoria degli ecclesiastici intus

La morte dell'Arcivescovo De Rubeis facilitò i suoi avversari i quali incalzarono la Sacra Rota sollecitando la soluzione della questione della "nuova parrocchiale di S. Maria al Presepe in Castro Paganice".

Il documento della Sacra Rota arrivò alla vigilia del S. Natale dell'anno 1610. Il documento della Sacra Rota datum Romae 1610 Ind. 8 die 22 Decembris Anno 6° del Pontificato di Paolo V° decise:

  1. Che spettando la cura delle anime Castri Paganice al Capitolo della Chiesa di S. Maria Paganica intus
  2. La nuova erezione della chiesa di S. Maria al Presepe con tutto il resto fatto dal Vescovo De Rubeis era nullo
  3. Che tutte le oblazioni ed emolumenti passati, presenti e futuri della chiesa di S. Maria al Presepe Castri Paganice, spettavano al Capitolo e Arciprete di S. Maria Paganica intus
  4. Si revoca il decreto di erezione a Parrocchia della chiesa di S. Maria al Presepe fatta dall'Uditore di Camera
  5. Si rimuovevano tutti gli impedimenti opposti dalla parte, come illeciti ed ingiusti, ponendo perpetuo silenzio e condannando alla restituzione delle oblazioni percepite ed al pagamento delle spese
  6. Deputava alla esecuzione Don Giovanni Carlo Pica Arciprete di S. Maria di Rojo "intus civitatem Aquile"
La monumentale chiesa di S. Maria al Presepe veniva così spodestata della sua aureola più bella che l'Arcivescovo De Rubeis le aveva conferito creandola Parrocchia e consacrandola con solenne sacro rito il 4 Luglio del 1605.

A protezione di essa aveva posto - nella Pietra Sacra - le reliquie dei Santi: Vittorino e 40 Martiri Amiternini, S. Cecilia e S. Apollonia e aveva concesso l'Indulgenza di un anno per chiunque la visitasse ne giorno anniversario della consacrazione; anniversario che, nonostante i precedenti, fu sempre celebrato dal Capitolo di S. Maria Paganica intus sino al 1750 circa.

Gli spagnoli pongono Paganica in difficoltà economiche

Denaro, vitto, alloggio e soldati; era questo il quotidiano ordine del dominatore spagnolo rivolto a tutte le Università italiane sotto il suo dominio nel secolo XVII°. Anche Paganica, centro popoloso, era continuamente assillata da queste richieste, con conseguenze negative per le sue finanze, tanto da obbligare gli amministratori e il popolo a contrarre debiti per far fronte alle spese.

Infatti nel Novembre dell'anno 1608 l'Università per aver alloggiato "la Compagnia del Capitano D. Giorgio de Cafero, e trovandosi sprovvista di provvigioni…fu costretta di pigliare ducati 2000 in prestito…"

Già nell'anno 1591 aveva contratto debiti con i fratelli D. Ascanio, D. Giuseppe e D. Filippo Alfieri per un prestito di ducati 3500 con atto notarile di notar Scipione Verteriis, in data 25 Novembre 1591.

Salirono man mano a ducati 6500 per consecutivi prestiti con gli stessi fratelli, per atti notarili dello stesso notar Scipione Verteriis in data: 19 Agosto 1596 - 6 Marzo 1597 - 19 Agosto 1600 - e 21 Novembre 1600 per notar Antonio Thilis e infine in data 9 Agosto 1603, per atto notarile di notar Giuseppe Cappa.

Da D. Alessandro Branconio e fratello aveva contratto altro debito di ducati 3000 con atto notarile del 30 Gennaio 1606; altro debito di ducati 1000 con D. Alessandro Cianpella e fratelli di Aquila con atto del notaio Pompeo Cola Magni in data 19 Settembre 1606.

I Massari allora per non avere a che fare con troppi creditori, pensarono di contrarre debito con una sola persona ; e ne chiesero l'assenso regio, scrivendo in data 16 Novembre 1606 al Viceré di Napoli.

Nell'attesa del "regio assenso" i Massari vollero bruciare le tappe per trovarsi pronti al suo arrivo, certi della concessione. Trovarono quella "persona sola" disposta a ricomprarsi "le partite" nei fratelli dell'Arcivescovo De Rubeis.

Oltre ai debiti, oltre ai disagi economici, oltre a tutte le forniture che doveva versare o provvedere per le truppe e governo spagnolo, Paganica era anche costretta a far arruolare i propri figli al servizio della milizia spagnola. La chiamata e la scelta degli uomini atti alle armi avveniva con una funzione tutta particolare, descrittaci da un atto notarile di notar Pietro Trimes, rogato il 19 Gennaio del 1606, che si svolgeva alla presenza delle massime autorità civili e militari e dinanzi al popolo convocato; notai e testimoni erano chiamati per l'atto pubblico notarile:

"celebrata prius Missa Sancti Spiritus…dal Rev.do D.us Marinus Trimes dicte Terre in Ecclesia Sancte Marie de Paganica ab extra…et coadunato populo in Oratorio Ecclesie nuncupate FraternitatisSancte Crucis dicte Terre Paganice…e sotto la presidenza dell'Utriusque Iuris Doctor Pompei Marctucti de Terni ad presens Gubernatoris Curie Paganice…si è proceduto alla elezione dei nuovi militi col "solito ballottaggio"
Furono ballottati 28 nomi di giovani paganichesi e dopo qualche giorno, inviati a fare il soldato.

In quel tempo loro Capitano era il paganichese Luigi Nannicelli il cui sepolcro si trova nella chiesa parrocchiale di Paganica, su cui è riportata la seguente frase:

D. O. M.
ALOYSIO NANNICELLO
NON MINUS PATRIAE CLARO QUAM SUIS
CUIUS IN PROMOVENDA RE MILITARI
INDUSTRIAM IN AUCTANTA FAMILIARI
DILIGENTIAM AEQUITATEM
ASPEXIT NEMO QUIN SUSPEXERIT
FILII PATRI AMANTISSIMO
PIETATIS ERGO
OBIIT NONIS IANUARII
ANNO MDCXXIII AETATIS SUAE LXV

Ma le gabelle comandate dal governo spagnolo, pesavano sempre più sul popolo paganiense, soprattutto quelle poste sui raccolti della terra: frutta, vino, grano, biade, erbe, ecc. Tutto ciò innervosiva il popolo il quale non vedeva una via d'uscita. Avvisaglie di nervosismo popolare si ebbero nell'anno 1639 quando scoppiarono risse fra contadini e la classe più agiata, proprio a motivo dei risentimenti fiscali che i "socci" pativano dai padroni locali e aquilani. Morirono infatti in quel tumulto i fratelli Attilio e Giuseppe Nannicelli e un loro nipote Donatello di Fossa.

Un importantissimo documento storico paganiense: Libro Mastro del 1600

Mai citato da alcuno lo abbiamo trovato conservato nell'Archivio di Stato dell'Aquila dal classico titolo:

"Libro della Chiesa Matrice di S. Maria Assunta della Terra di Paganica dove si dicono li beni di detta Chiesa stabili e mobili et qualsiasi cosa notabile di essa, fatto dalli Procuratori secolari: Cesare Bonanno, Achille Patrignano et Giovanni Nodari nell'anno 1640".

E' un volume manoscritto di circa 180 pagine, rilegato in cartapecora di cui resta la copertina del solo frontespizio del volume. Le prime pagine sono un po' confusionarie, poiché non segue l'ordine cronologico che invece troviamo dalla pagina 14 in poi.

In pratica e' il libro mastro della Chiesa Matrice, sul quale sono riportati tutti gli introiti e gli esiti dell'amministrazione della chiesa parrocchiale di Paganica, scritti dai vari procuratori della chiesa medesima, che si susseguirono nelle varie amministrazioni annuali nel sec. XVII° e principio del sec. XVIII°.

E' una vera miniera di notizie, e, dovendo citarlo spesse volte avvertiamo che la sua citazione sarà sempre fatta con la sigla "L.M. 1600" cioè Libro Mastro del 1600.

La nuova Chiesa di S. Maria Assunta di Paganica

E' questa una delle più importanti notizie che ci offre il documento "L.M. 1600". Dallo stile architettonico della odierna chiesa matrice e dalla lettura dell'anno 1655 scolpito sullo stemma di Paganica che sovrasta l'architrave della grande finestra della facciata della chiesa, avevamo intuito dei rifacimenti in questo secolo XVII°; ma non speravamo di trovare un documento tanto importante, che ci avesse informati dello svolgimento cronologico di essi.

Dai verbali delle S. visite dei Vescovi dell'Aquila effettuate prima del 1600, sappiamo che la chiesa di S. Maria in Paganica aveva undici altari:

  1. Altare Maggiore "quod est lapideum" nel quale era conservato il SS.mo Sacramento "in tabernaculo ligneo deaurato, satis decenti…"
  2. Aitare Sancti Andree, lapideum et dicitur consecratum…dotatum ab Andrea de Zuaro de quadam petiola terre…
  3. Altare S. Antonii, lapideum non consecratum nec dotatum …
  4. Altare Annunciationis, lapideum non consecratum sed dotatum…
  5. Altare Sancti Nicolai, lapideum non consecratum sed dotatum…
  6. Altare Sancti Petri, lapideum non consecratum sed dotatum… per legatum factum a quondam Magistro Andrea
  7. Altare Conceptionis, lapideum non consecratum nec dotatum…
  8. Altare Nativitatis lapideum non consecratum nec dotatum…
  9. Altare Sancti Antonii de Padua, lapideum non consecratum sed dotatum a Gregorio Conocchie…
  10. Altare Sancte Marie de Laureto, lapideum non consecratum nec dotatum…
  11. Altare Sancte Marie ad latum sinistrum Altaris Maioris, est lapideum non consecratum sed dotatum…
Dalla disposizione di tutti questi altari dobbiamo concludere che i muri perimetrali della chiesa, sono rimasti più o meno gli stessi anche dopo l'ammodernamento di cui parliamo.

I lavori erano già iniziati nell'anno 1648 poiché a pagina 41 del " L.M. 1600 " a di 6 Settembre leggiamo:

Spesiper quattro giornate a fare acomodare la terra ini piazza e fare butare le mura dentro, carnini (carlini) otto…

Spesi per fare cadere la Chiesa e tetto carnini quattro per lo mastro e suo servitore…
A pagina 50 - 20 Ottobre 1650 leggiamo:

Si sono dati al balio grana sei per butare il bando doi volte per portar le calci da Felecto…
A Pagina 59 - 20 Aprile 1652 leggiamo:

"Pagate a più persone some mille ottocento ottanta di rena per la Fabrica"
Pagati alli scalpellini del Pogio e Mastro Frate de Paganica ducati 39 e grana 75 per fare le cimase, finestre, cantoni et altro…
Pagati a Mastro Prodeo giornate 36 ducati 12,60
Pagati a Mastro Marzolo giornate 38 ducati 13,30
Pagati a Mastro Giacomo giornate 36 ducati 12,60
Pagate grana 60 per bere più volte alle commandi e genti
Pagati per tanti chiodi carlini dui..
Pagati per tanti chiodi per coprire la chiesa de libre 45 ducati 3,68

A Pagina 60

Pagati a Mastro Bartolomeo Santino e fratello e figli per coprire la chiesa fattosi da partito a carlini 4 la canna che in nove cavalli sono canne 90 e di tre per levare lo legname
A di 4 dicembre 1652 si legge:

Pagati ducato uno in tanti chiodi per coprire la fronte della chiesa…

Comprati un migliaio di pinci per coprire la detta chiesa…
A pagina 64 - 26 novembre del 1653 leggiamo:

Spese grana 55 a le pietre che se lavora per l'Angelo sopra la porta…
A di 13 dicembre 1653 si legge:

Per tre giornate per lavorare il soglio della porta e parte per il sogliaro da capo e per caparro per fare la cornice della porta a Mastro Berardino del Poggio e Mastro Frate de Paganica…

Pagate giornate doi a Mastro Giuseppe per aprire l'architti alla Porta verso la Fraternita…
A pagina 75 - 1 ottobre 1655 leggiamo:

Pagati a Mastro Matteo mettere la porta et occhio facciata vintitre giornate a carlini 5, un giorno con il figlio…
La chiesa di S Maria aveva già l'organo. A pagina 78 a di 22 Agosto 1658 leggiamo:

Pagati a Mastro Giovanni Gallina per la cassa delli Organi ducati 6…
A pagina 85 - 17 dicembre 1659 leggiamo:

Pagati a Luca Nero per li organi in tanta roba tra noci fascioli cipolle mandole in tutto carlini vinti otto…
A pagina 91- 8 marzo 1664 leggiamo:

Dispeso per rifare il pulpito et lavori fatticinuovamente ducati…
A pagina 95 - 20 gennaio 1666 si legge:

Per fare il rubino all'architravo della porta ducati…
Per fare la vetriata alla finestra ducati…
Dato a Mastro Giuseppe del Poggio per fare i cantoni della chiesa…

A pagina 98 - anno 1667 si legge:

Dato al Mastro con uno lavorante per fenire de mettere la porta verso la confraternita per giornate sei carlini…
A pagina 99 - 14 luglio 1668 leggiamo:

Dato a Mastro per mettere la porta verso le campane…
E di più per quattro cancani per la porta…
E di più dato al Balìo grana 10 per commandare la bestia, che andassero pe rena…
A di 14 agosto 1668:

Spesa fatta per far li porteri alle porte…
Per tre sciriche et per ferro per fare li crappi…
A pagina 99 - 21 Aprile 1669 leggiamo:

Spesa fatta per fare nuovamente il deposito del battesimo…
Speso per lavori di pietra e metterla….
Speso per mattoni… per ferro et fattura di cancani et di più per fare la porta…
A pagina 101

Dato al pittore carlini dieci et diecine doi di cannaccio et doi centenara d'agli per pingere la fonte battesimale
A pagina 109 - 30 dicembre 1672 si legge:

Dato a Mastro Fabritio carlini dodici per fattura delle antiporte della chiesa
A pagina 126 - anno 1680 si legge:

si sono vendute salme nove e quarti diece di grano quali serviti per alzare la muraglia della chiesa a ragione di ducati…
Si è macinato salme doi et quarti doi di grano quando forno alzate le muraglia della chiesa con darli a magnare et bevere alli lavoranti…
A pagina 134 - 20 Agosto 1684 leggiamo:

Cominciata la lite fatta con il sig. D. Carlo Nannicelli che avesse finita la volta della Chiesa Matrice fatta la metà il sig. Canonico Nanni suo fratello lasciata dal quondam D. Francesco suo zio come erede ambedue…
Tornando indietro a pagina 1 - 21 giugno 1686 si legge:

Con L'aiuto di Dio e della Matre Santissima fu fenita la volta grande della chiesa Matrice in Paganica ad hora 18 et si fu cantato il Te Deum con sparare le plumare etc… Fo il Ren/do Sig. Canonico D. Francesco Nannicelli.
A pagina 136 - 6 ottobre 1686:

Speso per sarmare la volta al Mastro e tre aiutanti…
E più dato a tre lavoranti quando fu arricciata la facciata di dentro…
E più dato Mastro Giovan Battista… per rimettere la cimasa all'organo.
Speso per la rena bianca cavata al territorio di Bazzano…
Speso per scaricare la volta fatta alli Sig.ri Nannicelli dato a Mastro Antonio per una giornata…
Dato a Mastro Antonio del Grande Abitante in Tempera per bianchire la volta ducati 19 pro patto fatto…
Speso per raccomodare il cappello del pulpito…
Speso per pulire la chiesa grana cinque…
Praticamente la chiesa fu pronta per la festa di Tutti i Santi dell'anno 1686.

Durtante questi lavori, per aumentare gli spazi all'interno della chiesa, gli altari da 11 furono ridotti a 8, come attesta un verbale di S. Visita effettuata da Mons. Carlo De Angelis il 22 Giugno 1667 il quale annota di aver trovato:

  1. Altare Maggiore, dove si è trasportata la Cappellania che era sub titulo S. Maria della Vacchia… il cui Cappellano è D. Troiano De Rubeis…
  2. Altare S. Ioseph… Familie Nannicelli… Cappellanus est D. Franciscus Nannicelli…
  3. Altare SS. Nicolai et Bernardini…Cappellanus est D. Carolus Nannicelli…
  4. Altare S. Amici fundatum a quondam D. Amico De Rubeis… Cappelanus est D. Troianus De Rubeis…
  5. Altare SS.mi Rosarii erectum a devotionePopuli Paganice….
  6. Altare SS.mi Suffragij similiter erectum devotione Populi Paganice….
  7. Altare S. Antoni de Padua et Franciscus… cum beneficio Cesaris Bonanni de Paganica… Cappellanus est D. Mattheus Vivio…
  8. Altare S. Rocchi ad devotionem Populi Paganice
Più tardi venne eretto l'Altare del SS Crocifisso - dove oggi si conserva la statua della Madonna d'Appari. Infatti è elencato in occasione della visita effettuata il 20 Settembre 1671 da Mons. De Angelis. Leggiamo:

"visitavit Altare SS.mi Crucifissi erectum ad devotionem Marini Angeli Patrinchiani de Paganica.

Feste e fiere

Il libro mastro del 1600 ci da notizie di due grandi manifestazioni religiose paganiensi, che erano di diritto della chiesa parrocchiale:
  1. La festa dell'Assunta il 15 Agosto
  2. La festa della Solennità di Tutti i Santi, il primo Novembre

La festa dell'Assunta

Veniva celebrata perché titolare della chiesa matrice. In verità questo termine "Assumptae" aggiunto al nome della titolare della chiesa matrice di Paganica, l'abbiamo cominciato a trovare nei documenti del sec. XVII. Gli antecedenti riportano sempre "Ecclesia S. Mariae de Paganica ab extra" - "Ecclesia S. Mariae Virginis de Paganica" - Ecclesia S. Mariae de Castro Paganice" ecc. ma mai "Ecclesia S.Mariae Assumptae o Assumptiones". Appare chiaro che per aggiungere tale termine vi fu qualche motivo speciale che venne a verificarsi nel sec. XVII e che crediamo di individuarlo in due principali motivi:

  1. La riforma dei libri liturgici promossa dal Papa Pio V con la quale la festa del 15 Agosto fu orientata ad esprimere il suo vero e proprio oggetto: la glorificazione in anima e corpo della Madre di Dio;
  2. L'inizio della richiesta alla S Sede per la definizione dogmatica dell'assunzione corporea di Maria SS.ma in cielo, mai prima di allora presentata.
La festa del 15 Agosto era la festa più solenne dell'anno. Si iniziava per tempo la cerca o questua per raccogliere le offerte in generi o in denaro. Vi era un gruppo di donne che raccoglievano durante l'anno le varie offerte,.

Il libro mastro del 1600 ci descrive queste questue:

Ritratto dalle cerche della Zafferana carlini…
Ritratto dalla vendita dell'ova… di cipolle e agli…
Barili quattro mosto…
Devono dare carlini dodici tanti ritratti di una soma di orgio fattosi per cerca per l'ari…
Devono dare carlini nove tanti ritratti di tre canne di panno intrato alla Madonna…
Devono dare ducati quattro tanti ritratti dalla zafferana fatta per la cerca per la terra
Devono dare ducati sette e grana settanta tanti ritratti di dicine vinti doi di canabe fattosi per cerca et intrato nella Chiesa.
Devono dare carlini tre tanti ritratti di tre centinara di agli…
Devono dare carlini dece et grana cinque tanti ritratti di settanta cinque fiette di cipolle intrate nella Chiesa della Madonna…
Devono dare per tanto fieno fatto per cerca nelle prata de lonco et corto menatone beni carlini quindici…
Devono dare some nove di grano sconcio tanto fattosi per la cerca per la terra cioè per l'ari…
Devono dare carlini tre tanti trovati al cassitto…
Devono dare carlini dodici tanti ritratti di trecento ova fattosi per cerca per la terra…
I procuratori dell'annata pensavano a tutto e andavano anche loro per la questua; però si facevano accompagnare anche da altri uomini, ai quali davano un tanto. Leggiamo infatti:

Devono havere carlini quattro tanti dati a quelli che sono venutiper la cerca del fieno per le prata…
Devono avere carlini sei tanti dati a Petrantonio per sue fatiche fatte per lare per cerca di grano… etc.
La festa dell'Assunta durava due giorni, la chiesa veniva tappezzata a festa con tappezzerie varie; mentre l'esterno veniva addobbato con festoni di verde di bosso. Veniva esposta la statua della Madonna alla quale nell'anno 1694 fu posta una corona d'argento.

Con grande solennità liturgica venivano cantati i primi Vespri, la vigilia dell'Assunta era un giorno di stretto e rigoroso digiuno e astinenza.

Oltre alle Sante Messe e alle comunioni molta importanza veniva data alla predica della S. Messa "cantata", cioè a quella solenne del mezzogiorno. I predicatori venivano scelti con attenta cura.

Simpatico il modo di ricompensare la fatica di questi predicatori…! Il L.M. 1600 ci diverte quando dice:

A di 16 Agosto 1697 si è speso para sei di pollastri per ricalar Monsignore che fu a predicare…
Anno 1698 si è speso per ricalare al Predicatore che fu il Padre Abate Agostiniano per una camiscia un fazzoletto e tre para di pollastri…
Anno 1691 dispeso per fare il regalo al Predicatore, non volendo li dieci carlini per la predica… etc.
La festività civile si caratterizzava nelle ore pomeridiane con manifestazioni popolari. Il L.M. 1600 ne riferisce tre principali, solite a tenersi nella festività dell'Assunta:

  1. Il palio della Lotta…
  2. La corsa dei ragazzi…
  3. La corsa con il sacco…
Come si svolgesse il palio della Lotta lo ricaviamo da alcuni accenni:

Dispeso per due Canne meno un Palmo di Fustagno stampato per fare il Palio della Lotta, grana etc…

Si è speso per due Palii per la festa della Madonna ed un paro di calzette per li ragazzi carlini uno e grana 75…

Comprati tre Palii et un cappello nella festa della Madonna…

Pagati carlini ventuno per fare il Palio della Lotta e correre li figlioli nella festa di detta chiesa…
Dobbiamo dedurre che anche a Paganica si correva il Palio come in tutte le altre città e castelli.

Si chiamava "Palio della Lotta", perché erano in lizza più concorrenti per la conquista del Palio costituito da una stoffa di tela stampata che si dava al vincitore.

La Festa di Tutti i Santi

Un po’ diversa era invece la festività di TUTTI I SANTI il1° Novembre, pur non mancando l'apparato solenne della chiesa matrice con le imponenti funzioni religiose, la festività si svolgeva senza gare sportive perché dominavano gli affari da concludere nell'affollatissima FIERA DI TUTTI I SANTI, cui compratori e venditori di tutti gli animali domestici, chincaglierie e generi diversi accorrevano da ogni parte.

La più antica segnalazione della FIERA DI TUTTI I SANTI a Paganica, l'abbiamo proprio dal L.M. 1600.

Infatti a p. 122 anno 1678 si legge:

Ritratto dalle banche della Fiera di Tutti i Santi che fu fatta la domenica seguente di detta festa…
A pagina 155 anno 1692 si legge:

Si è ritratto dalla cerca delle banche nella Festa di Tutti i Santi…
A pagina 161 anno 1693 si legge:

Speso per la Festa di Tutti i Santi per parare la Chiesa…
A pagina 161 anno 1694 si legge:

si è ritratto per carità dalle banche nella Festa di Tutti i Santi che non fu fatta la fiera…
La Fiera con Decreto Reale del 17 Gennaio 1826 fu poi estesa ai tre giorni 1-2-3- Novembre.

Dalle segnalazioni in cui si parla di "Banche" o panche si capisce che la fiera era affollatissima di rivenditori di ogni genere, da notare che i Procuratori della Chiesa Matrice di Paganica - forse per diritto riservato - offrivano essi le famose "Banche per la fiera" e da questo servizio ricavavano gli utili per la chiesa e per le altre spese.

Questo testo è tratto dal libro "Paganica attraverso i secoli" di don Ercolino Iovenitti